Listen and let your feelings flow

Listen and let your feelings flow

Life is special, I know it, you know it, everybody knows it. A time comes, sooner or later in which we all experience a kind of ‘inconvenience’, something we didn’t prepare for at all but just happened. We fall in love, we lose our job, we get married, we experience a new sensation, we get hurt, we feel lost or lose someone, etc. When something unexpected happens to me I like to write about it, give my feelings and emotions a place where they can relax and chill out for a while.

Continue reading “Listen and let your feelings flow”

You define your internship

You define your internship

What is an internship? A chance to show yourself? Or a waste of time that takes part of your professional training? An opportunity to show who you are and what you can do or a professional training center camp to become the best copier and organizer in the world?

Yes it’s true that as an intern you will have to battle with a lot of stereotypes, do a lot of boring but nonetheless important work, finish assignments employees didn’t have time to finish or didn’t care to finish. But also remember that you need to define who you will be as an intern, a passive silent intern or an active entrepreneurial intern.
A company only works if each office functions efficiently. It’s like an assembly plant. If one office misses or forgets its task the complete assembly line will enter into lockdown. All this just to say that wherever you end up as an intern, you will be a part of the company. It is up to you if you want to be forgotten as the silent one or be remembered as the one to watch.

Now that my internship is over I can honestly say I look back to this period both satisfied and sad. Satisfied because I got to learn and discover a lot. Sad because it’s already over. It was really nice to feel useful, to share my knowledge, to learn from others and to have common goals, to receive positive criticism and to enjoy compliments for a job well done. Even if my internship only lasted for three weeks I feel I have grown on a professional and personal basis.

I am ready to find out more about the company where I did my internship. I want to get to know Fabbri 1905 worldwide: Italy, Spain, France, Germany, China, Brazil, Argentina, Uruguay, Mexico, the United States. Enter into the heart of Fabbri 1905 and discover what makes the famous Amarena cherry so attractive an desirable.

It was a nice learning experience with very helpful colleagues. Every question I had was answered, every doubt clarified. It’s true that I also had to do some “typical intern work” but thinking about it today, doing this so-called boring work has given me the chance to get to know the company better, get to know its weaknesses and its strengths and even more important the opportunity to find and elaborate some strategies to make my contribution to the company.

Never be scared, even as an intern, to share your ideas. You are an intern but don’t be a silent one, be someone with a voice, show them that you care, that you feel part of the family, that you are smart and eager to learn. But also remember that as an intern you are an outsider so analyze the best way to share your ideas. Be a good scout, find out how the company’s internal system works, who you need to talk to, how you do it and when you do it. Never overstep the invisible boundaries you have in front of you but find a way to work around them by being humble and smart.

You are here to learn. As an intern it may seem that everyone is your superior and in a way they are. You don’t know anything about your direct work environment, only the information you gathered online and from hear say. Listen carefully to everything, especially during coffee breaks and lunch pauses. Take notes when your new colleagues are explaining something to you, write down the tasks you have been assigned and prepare an agenda. Never be ashamed to say that for the moment you can’t accept any new tasks. I don’t know why but interns are often seen as a kind of superhero who can do everything. Remember your colleagues that you may look like a superhero, talk like one and act like one but that until further notice you are still a human being.

The key objective of an internship is to learn, once that stops something is definitely going wrong and you need to reposition yourself. Remember your superior and colleagues that you are very happy you are there but that you are there to learn and not only to relearn the alphabet by filing papers or to rediscover the different ways to make a perfect cup of coffee. Most internships only earn you intellectual earnings, maybe also a job opportunity who knows. But like someone recently told me, remember that while the company may be assessing you, you are also assessing them. It’s up to you on how you will define your internship.

Communicate and you shall arrive to your destination

Communicate and you shall arrive to your destination

Seven years have gone by since the crisis started, seven years since my mother died. The world is going from bad to worse and we are all seeing it, experiencing it and trying to do our best to fake we care about what is going on. The world seems like a bubble about to burst.

I moved on, the crisis hasn’t. Why is society still trying to use the crisis as an excuse to cover up everything that is going wrong. Why do we feel guilty and want to try to save the world when we can’t even save ourselves. We need to be strong, united, all nations, all layers of society, all colours and all religions in the world. Yes it’s true that there are less and more fortunate people in the world but that’s not an excuse to steal, attack and murder. We can be jealous, hate, be angry, blame the world but we can’t attack someone else to overcome these feelings. No God, no religion allows this.

Maybe it’s easy for me to say this, maybe I am more fortunate than others but remember that my luck has cost me a loved one and believe me when I tell you that I would trade everything to have that person back. But I will never hurt someone because I am hurt, I will never take something away from someone else because I don’t have it. Life is not easy but I can assure you that it will get better, there will be good moments and bad ones. And strangely enough the web can help you sometimes.

I, for example, four months ago bumped into a website offering free courses financed by the District where I live in and now I am doing an internship at Fabbri 1905, a well known company in Bologna and in the world. Life is an adventure and I think I have just started a new one. Let’s see where it takes me. I want to dedicate some space on our blog to my internship, my experience, in the hope that my achievements and mistakes will help you where needed.

When I left my job people called me crazy but I did it anyway, I followed my dream. I wanted to communicate with people, share a message, grow professionally and socially, see the world without any regrets. I had to take this step and I am glad I did. The place where I was working is near bankruptcy so I think I’ve made the right choice. But it’s not easy. I am a foreigner who has studied many languages living in a city where I can find minimum 200 native speakers for every language I speak. I am one of many trying to find an opportunity in a country suffering and unable to provide its own people with sufficient jobs. Why am I here? Why don’t I go back to Belgium? Back to more security, to my family. A very good question. I have asked myself that question many times and I have narrowed the answer down to three answers: 1. I like the challenge; 2. I am just crazy; 3. I am in search of my personal happiness. Who knows! But I am here and I feel that my time has come, I feel that my efforts were not in vain and are finally paying off.

Do I feel calm and without worries? Of course not. I worry every day, about money, paying the bills, job security, paying my loans, about what I really want, about life, but I try never to let these feelings dominate me and who I am. And always remember, never ever give bad influences the chance to interfere with your struggles or worries. Even when you feel alone with no support, if you need someone and you look for it online or offline you will find an honest and truthful shoulder to lean on.

Seven years since my life has changed, seven days since my internship has started. Thanks to good connections I have gotten the chance to enter into a real professional environment where I am learning a lot. I will make a lot of copies like expected from a good intern, be bored and feel used from time to time but I will also get the opportunity to get a lot of input from very experienced people, meet some challenging work and finally show that I am here, that I have something to offer and that, using curriculum terminology, I could be a real asset to the company.

Talk to you soon about the Fabbri way of life!

E-mail o telefonata: cos’è meglio?

E-mail o telefonata: cos’è meglio?

È una domanda che mi sono sempre posto: è meglio inviare un’e-mail o telefonare? Dipende da quello di cui hai bisogno: se vuoi metterti d’accordo con un amico per uscire il sabato sera, una chiamata (o addirittura un messaggio su WhatsApp) va più che bene. Ma quando si tratta di lavoro, università e comunicazioni ufficiali, cosa preferire?

Partiamo dal fatto che le e-mail sono decisamente meno invasive rispetto alle telefonate: il destinatario può prendersi tutto il tempo di cui ha bisogno per rispondere, può approfondire argomenti di cui non conosce bene i particolari ed evitare così di rispondere con informazioni errate o incomplete come potrebbe succedere invece durante una chiamata.

Pro e contro delle e-mail

Tieni presente questo: una mail è un messaggio scritto e pertanto non è soggetto alla volatilità di una conversazione telefonica. Verba volant, scripta manent.

Prendiamo ad esempio questo scenario: un cliente ti commissiona tramite posta elettronica un nuovo logo per la sua azienda dicendo di volerlo di colore rosso. Alla consegna ti viene contestato l’operato poiché il colore doveva essere verde. Ecco che le e-mail ti vengono in aiuto.

Cosa fare però se per un qualsiasi motivo le decisioni vengono prese telefonicamente? Io consiglio di inviare sempre un’e-mail successiva alla chiamata con un riassunto di ciò che è stato detto e la richiesta di una conferma scritta.

E dal punto di vista legale?

Diverse sentenze hanno reputato le tradizionali e-mail non affidabili e quindi senza valore legale. Questo perché mancano di affidabilità: non sono infatti garantiti autenticazione, integrità dei dati, confidenzialità e non ripudio, ovvero i principi fondamentali della crittografia.

Qui entra in gioco la Posta Elettronica Certificata (o PEC), un particolare tipo di e-mail, regolata dalla legislazione italiana dal 2005, che, grazie ad alcuni algoritmi di criptaggio, assume lo stesso valore legale di una raccomandata.

Gli indirizzi di Posta Elettronica Certificata non vengono comunque utilizzati normalmente dalle persone nella vita di tutti i giorni, anche perché hanno un costo di mantenimento a differenza dei servizi offerti da Gmail o Yahoo Mail. Sono soprattutto le aziende a farne uso, per comunicazioni ufficiali con enti e pubblica amministrazione o per lo scambio di materiale con altre aziende.

In conclusione, le e-mail sono un potente mezzo di comunicazione, con diversi punti a favore rispetto alle telefonate, ma anche con qualche punto a sfavore. Io le preferisco in quanto non invasive, tu invece? Fammelo sapere con un commento qui sotto!

Ai blocchi di partenza!

Ai blocchi di partenza!

Il mondo è in continuo cambiamento, che tu lo voglia o no. Puoi decidere di fermarti, aggrapparti al passato e vedere come tutto si sta muovendo in fretta intorno a te, per poi arrivare a quel giorno in cui ti svegli e non riconosci più niente. A quel punto inizi a lamentarti, a dire che le cose non sono più come una volta. Ed in effetti, non sono più come una volta. Capiamoci, anche prima le cose non erano come in passato, c’è una continua evoluzione del mondo in cui viviamo, del mondo economico, sociale, politico, culturale, ecc.

Ogni continente, ogni nazione, ogni paese, ogni individuo evolve in modo diverso. Questa diversità è l’elemento cruciale di tutto. Questa diversità dovrebbe essere il punto forte dell’umanità, ma invece non lo è. Questa parola, diversità, è la protagonista centrale di tanti conflitti, fraintendimenti ed ostacoli che impediscono di arrivare ad una società tollerante ed ospitale. Non sappiamo più, o forse non abbiamo mai saputo, comunicare in modo corretto rispettandoci l’un l’altro. Ci sono tanti studi e tanti libri sul linguaggio, su come parlare, su come interagire con gli altri ma continuiamo comunque a vivere in una società in cui è evidente che le cose non stanno andando bene. Forse siamo troppo concentrati su di noi, su quello che vogliamo noi, sul nostro punto di vista.

Ma c’è anche chi vuole parlare, comunicare, ascoltare, arrivare ad uno scopo comune. Ci sono persone che hanno capito che per poter far funzionare la nostra società, bisogna andare d’accordo, fare compromessi e soprattutto capire che ogni individuo pensa in modo diverso e che questo pensare diversamente non è negativo, specialmente se riusciamo ad accettare questa diversità e la riconosciamo come punto di vista che vale tanto quanto il nostro.

Sfortunatamente queste persone spesso non vengono ascoltate, non perché sono poche, ma semplicemente perché gli altri parlano con un tono più alto, urlano pensando che così possano riuscire a convincere quelli che li circondano della validità delle loro idee. Chi urla più forte o sa spiegarsi meglio, chi ha più carisma o più argomenti, deve essere la persona che ha ragione. Può darsi. Ma anche chi che non dice niente, chi non ha voce, chi ha difficoltà ad esprimersi, chi è timido, anche lui o lei può avere ragione, può avere pensieri validi e positivi. Grazie alla tecnologia di oggi, tante di queste persone hanno trovato la possibilità di esprimersi e di comunicare con il mondo, forse solo virtualmente, ma almeno sono uscite dall’ombra del silenzio.

La tecnologia dovrebbe essere accessibile a tutti, ma invece, per tanti motivi, non lo è e tutti questi motivi hanno un elemento in comune: Internet, il quale ti da la possibilità di connetterti con il mondo, di creare e di comunicare. Ti connetti con l’intero pianeta, crei una rete e comunichi con gli altri. “Sapere è potere”, questa forza è stata dimostrata grazie al fatto che ancora oggi, in tanti paesi, l’accesso alla rete viene parzialmente o interamente bloccato. Ma se la tecnologia deve essere accessibile a tutti, dovremmo anche sapere come usarla, ma spesso non si è in grado. Internet, in particolare, è diventato uno strumento pericoloso dove la privacy sparisce per fare spazio a bullismo virtuale, spamming, frode, molestie, terrorismo, ecc, e tutte queste cose hanno un effetto sulla vita reale di ognuno. La rete non dovrebbe essere utilizzata così, ma se il mondo reale non è perfetto, come può esserlo quello virtuale, dove possiamo essere chiunque e possiamo essere anonimi? Una rete così grande che ci permette quasi ogni cosa, che ci può insegnare tanto e ci può dare quasi tutto quello che serve per sopravvivere senza dover uscire da casa. Nel 1995, il film “The Net – Intrappolata nella rete”, con Sandra Bullock, sembrava science fiction di alto livello, ma oggi è realtà.

E’ impossibile credere che una persona abbia creato questo mondo virtuale, questa rete tecnologica, con l’intenzione e lo scopo di voler fare del male. Vogliamo invece credere che è stata creata per migliorare la nostra società, per unire le persone di tutto il mondo, per farci scoprire le diverse culture che esistono, per tenerci informati su ciò che accade, per darci la possibilità di comunicare e crescere. Internet dovrebbe essere usato tenendo in mente la correttezza e il rispetto per tutti, senza violare la privacy di nessuno, senza svantaggiare nessuno. Dovrebbe essere uno strumento che collabora con il mondo reale, che sia di assistenza a tutti, alle nostre vite, che le migliora e che contribuisce ad unire le nostre diversità.

Scrivere su possibili utopie è sempre stata una cosa piuttosto semplice, è crearle che rappresenta la vera difficoltà. Questo non è il nostro obiettivo, e non lo è nemmeno giudicare o criticare. Il nostro scopo è di unire l’informatica e la comunicazione, imparare da ciò che ci circonda e condividere le nostre esperienze ed idee, farti conoscere delle tecniche che consideriamo adatte per connettersi alla rete e creare o migliorare le tue capacità di comunicazione nel mondo professionale e sociale. Internet e la comunicazione come strumenti di sostegno per facilitare le nostre attività quotidiane.